Le tre regole d’oro del blogger corretto

Ci sono regole non scritte del blogging che chi si cimenta con quest’attività dovrebbe rispettare. Parliamo, in questo caso solo di regole che hanno a che fare con la correttezza, non quindi di tutto ciò che riguarda visibilità, efficacia, accorgimenti SEO, ecc. Si tratta di 3 regole base, la cui non osservanza può creare problemi più o meno rilevanti ai blogger, che vanno dalla pubblicità negativa o, peggio, a problemi legali. Seguirle sempre, anche nel dubbio, è la via maestra. Ma vediamole una per una.

– Citare le fonti. E ‘altamente probabile che a un certo momento nel vostro blog vogliate fare riferimento ad un altro articolo o blog post trovato on-line. Mentre è possibile copiare una frase o poche parole senza violare le leggi sul copyright, per rimanere all’interno delle regole del fair use – come le chiamano gli anglosassoni – è necessario citare sempre la fonte. Si dovrebbe attribuire la frase al suo autore e al sito web o blog di provenienza, utilizzando anche un link alla fonte originale.

– Chiedere il permesso. Mentre fare proprie alcune parole o frasi, con l’attribuzione, è accettabile in base alle leggi fair use della blogosfera, è importante essere consapevoli che le norme sui contenuti online rappresentano ancora una zona grigia nelle aule dei tribunali. Per cui, se avete intenzione di scopiazzare più di un paio di passaggi, è meglio che pecchiate di eccesso di zelo chiedendo all’autore il permesso di ripubblicare le su parole (con la corretta attribuzione, naturalmente) sul vostro blog.
Lo stesso vale per l’utilizzo di foto e immagini. A meno che quella che si prevede di utilizzare non provenga da una fonte che dà chiaramente ed espressamente il permesso per il riuso (ci sono diversi tipi di licenze, più o meno restrittive), è necessario chiedere al fotografo o designer l’autorizzazione (con la corretta attribuzione, ovviamente).

– Giocare pulito. Aver un blog non significa dare libero sfogo ai propri istinti, scrivendo la qualunque su chiunque, pensando che non ci siano ripercussioni. Bisogna sempre tenere a mente che il blog è potenzialmente visibile al mondo intero. Proprio come un articolo giornalistico o le parole di una persona possono essere considerate diffamatorie o calunniose, anche il contenuto di un post può essere oggetto di denuncia. Il consiglio è di aggiornare il proprio blog pensando che lo legga tutto il globo. Non si sa mai chi può ‘atterrarci’ sopra…

Fabio Carlini

Giornalista ed esperto in comunicazione, è affascinato dal variegato universo delle start-up del web, che è al centro, non di rado, dei suoi sforzi e delle sue velleità creative.

Lascia una recensione

avatar